La garcinia, il frutto anti trigliceridi

La garcinia, il frutto anti trigliceridi

La garcinia, il frutto anti trigliceridi

La garcinia si ricava dalle bucce del frutto di una piccola pianta, la Garcinia Cambogia, che cresce spontaneamente in zone tropicali, Cambogia, Vietnam e India.
I frutti della Garcinia Cambogia e soprattutto le bucce vengo utilizzati in queste zone nella preparazione del curry e di altre spezie con scopo chiaramente culinario, ma la nota più importante è l’effetto sui trigliceridi e sul nostro senso di sazietà. I trigliceridi rappresentano i principali componenti del tessuto adiposo con funzione di riserva energetica: essi derivano quasi esclusivamente dall’alimentazione (sono anche sintetizzati dal fegato) e rappresentano la fonte di immagazzinamento dei grassi da utilizzare, al bisogno, a scopo energetico. Alti livelli di trigliceridi nel sangue rappresentano un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, per l’arteriosclerosi e per il diabete.

Come funziona la garcinia

L’estratto secco della garcinia contiene pectine, calcio e acido idrossicitrico: le pectine sono sostanze che regolarizzano il transito intestinale e depurano l’organismo, contribuiscono a ridurre l’assorbimento dei grassi e del colesterolo; il calcio è utile per il rafforzamento di ossa, denti e unghie; l’acido idrossicitrico conferisce le note proprietà dimagranti. Esso si ricava dalla buccia del frutto di garcinia ed esercita la sua azione riducendo la produzione di trigliceridi nonché l’assorbimento degli stessi. Infatti i carboidrati che non vengono “utilizzati” dal nostro organismo non sono trasformati in grassi grazie all’inibizione di un enzima deputato a tale azione, di conseguenza la garcinia riduce l’immagazzinamento di calorie e depositi di grasso, principali responsabili dell’aumento del peso corporeo. La maggiore quantità di energia derivante dalla completa demolizione dei carboidrati (quelli non trasformati in adipe) conferisce senso di sazietà.

La garcinia promuove il riassorbimento del grasso sottocutaneo, drena e tonifica.

Quando utilizzare la garcinia

La garcinia risulta indicata per tutti coloro che hanno trigliceridi e colesterolo elevati, persone in sovrappeso e i cosiddetti “golosi” che non riescono a frenare il desiderio di dolci e zuccheri.

Come assumere la garcinia

In commercio la garcinia è reperibile in compresse, bustine e soluzioni. Chiedi consiglio al tuo medico o al tuo farmacista per individuare la composizione adatta a te. L’assunzione avviene generalmente prima dei pasti.

Categories: Diete, Rimedi naturali

Autore

Freefarma

Il nostro staff di farmacisti è a tua disposizione per qualsiasi dubbio o curiosità in campo medico.